Archivio dell'autore: Antonio De Rose

Cazzarola!


La non-contemporaneità delle partite di serie A ha accresciuto il valore di mercato degli spazi pubblicitari, massacrando un format come 90° minuto. Per quello stiamo ancora elaborando il lutto. La Domenica Sportiva, per sua natura un rotocalco, poteva salvarsi provando … Continua a leggere

Pubblicato in Diari, Sport | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Primo maggio, un mondo freddo


Le origini della Festa del lavoro risalgono ad un mondo che cambiava impetuoso, quello della seconda rivoluzione industriale. Noi apparteniamo a un altro mondo, quello della rivoluzione scientifica. Manifattura e servizi impiegano sempre meno persone perché la tecnologia non si … Continua a leggere

Pubblicato in Stato e società | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La vera artefice dell’epica kennediana


Jackie è un film iconografico che di Jacqueline Kennedy traccia un profilo a metà fra il pubblico e il privato, fra il mito e la storia. Al notista politico di Life, che la intervista cinque giorni dopo Dallas, Jackie (Natalie … Continua a leggere

Pubblicato in Culture | Lascia un commento

Certi economisti e il prestigio del Corriere


Nemmeno i dati dell’Osservatorio sul Precariato presso l’INPS inducono a più miti consigli i “mercatisti” del Corriere della Sera. Le nuove assunzioni crollano con la fine degli sgravi. Era questione di soldi, non di regole. Non c’è uno straccio di prova empirica … Continua a leggere

Pubblicato in Culture, Stato e società | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Da Modugno a Emma. Non è colpa di Francesca


Di Sanremo contesto il formato. Non è più una rassegna di canzoni ma un contenitore di numeri d’arte varia lungo, estenuante. Perciò non lo guardavo da anni. Fino a sabato scorso, quando mi hanno invitato ad un gruppo d’ascolto. “È … Continua a leggere

Pubblicato in Culture, Diari | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il pallino del gioco


“Se perdo il referendum non è soltanto che vado a casa ma smetto di far politica“. Così Matteo Renzi a Repubblica Tv, era l’11 gennaio del 2016. Fu allora che il presidente del Consiglio trasformò il voto sulla riforma costituzionale … Continua a leggere

Pubblicato in Stato e società | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La Costituzione in brick, ci vorrebbe un Pirella


Emanuele Pirella è stato il più importante pubblicitario italiano. Un genio, un rivoluzionario. Le sue campagne sono immortali. Dalla banana dieci e lode a Che morbido: è nuovo? No, lavato con Perlana!; a O così. O Pomì (slogan coniato da Pino Pilla … Continua a leggere

Pubblicato in Culture, Stato e società | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento